Comunali Napoli. Lettieri: “Nella mia città siamo tutti Sindaci”

“Paolo Borsellino diceva: ‘il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Quella matita, più forte di qualsiasi arma, più pericolosa di una lupara e più affilata di un coltello’. Lo scrive, sulla sua pagina facebook, Gianni Lettieri, impreditore e candidato sindaco a Napoli.

C’è bisogno di cambiamento, non si può continuare a far finta di niente. Nella città che voglio c’è serenità, c’è voglia di sentirsi vivi, c’è senso di appartenenza e nessuno ha bisogno di emigrare. Nella città che voglio ci sono opportunità per i giovani, c’è dignità per gli anziani e c’è assistenza per i disabili.  La città che voglio è bella tutta, sono belli anche quei vicoli dove oggi nessuno ci entrerebbe mai. E sono belle tutte le Chiese rimaste chiuse per anni.  Nella mia città c’è educazione e rispetto per gli altri. C’è integrazione. C’è scambio culturale. C’è armonia sociale. Nella mia città non esiste la periferia. Nella mia città quelli del Vomero vanno a pranzo nel rione Sanità. E quelli del rione Sanità sono di casa al Vomero. Nella mia città puoi fare tardi la sera in tutte le strade. E in tutte le strade ti senti al sicuro. Nella mia città vai a lavoro con i mezzi pubblici, senza arrivare mai in ritardo. Nella mia città i turisti vanno a mare a San Giovanni a Teduccio pranzano a Piazza Garibaldi, fanno una passeggiata al parco di Pianura e alla sera si godono Bagnoli. Nella mia città gli alberghi sono pieni 365 giorni all’anno, e non solo nei giorni di festa. Nella mia città i protagonisti sono i napoletani. Tutti i napoletani. Nella mia città siamo tutti sindaci perché tutti lavoriamo per un unico obiettivo: prenderci cura della NOSTRA città”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100267 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!