Roma. Centri sociali ed esponenti Usb tentano di impedire banchetto CasaPound a San Basilio

Una ventina di persone, tra esponenti dei centri sociali e dell’Asia Usb, hanno tentato, senza riuscirci, di impedire un banchetto informativo di CasaPound Italia a San Basilio, davanti al mercato di via Casale Tidei. Al gazebo erano presenti cinque militanti del movimento della Tartaruga frecciata: gli antifascisti, oltre venti, si sono avvicinati, cercando, invano, di provocare uno scontro fisico e di intimidire i ragazzi che si trovavano sul posto, come già tante altre volte, a raccogliere le firme per la proposta di legge sul reddito di natalità. Dopo poco la situazione è tornata sotto controllo, e il banchetto è proseguito senza difficoltà.

“Comportamenti vigliacchi di questa natura ci indignano ma non ci intimidiscono – sottolinea Simone Iacobini, referente di Cpi a San Basilio, presente al banchetto – Fa piacere però la reazione dei residenti, che, di fronte a chi vorrebbe usare la prepotenza per impedirci di essere presenti nel quartiere, si sono schierati in tanti a nostra difesa”.

“A chi vorrebbe negare l’agibilità politica a CasaPound rispondiamo che noi nei quartieri e nelle strade ci siamo e ci rimaniamo – sottolinea Mauro Antonini, responsabile politico del Lazio per Cpi – Siamo al fianco degli italiani e non indietreggiamo di un passo. Chi vuole contenderci la presenza sul territorio lo deve fare con il lavoro quotidiano a fianco dei cittadini e non certo con le minacce, che con noi non funzionano”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 101734 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!