Aversa. Parcheggiatori abusivi ‘minacciosi’ in zona Palazzetto Sport e Stazione

Parcheggiatori abusivi minacciano le donne al volante,questo accade nei pressi del palazzetto dello sport e della stazione, il problema persiste. La piaga dei parcheggiatori abusivi in questi ultimi anni si è sempre più estesa in diverse zone della Città.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dal loro “regno”, vale a dire le diverse zone, di maggior flusso, come Piazza Municipio, piazzetta Don Diana, Parco Pozzi, Palazzetto dello Sport, Piazza Mazzini, (zona ferrovia), cimitero, via De Chirico, piazza Crispi, i parcheggiatori abusivi hanno esteso le “loro mire” a tutto il territorio vessando gli automobilisti.  Spesso capita che al rifiuto in merito alla loro richiesta di diversi euro si verificano casi di aggressione verbale che rischiano di sfociare in qualcosa di più grave. Questo stava accadendo l’altra mattina in piazza Mazzini e presso il Palazzetto dello sport a due donne,cittadine aversane,gli abusivi,hanno assunto toni minacciosi e un atteggiamento intimidatorio verso le due vittime, per imporre il pagamento di 5 euro, prezzo fisso del racket.

Pare, che mentre stava entrando in macchina, la donna, l’energumeno di colore ha cominciato a dare pugni alla macchina e bestemmiava minacciandola. Fortunatamente la donna è riuscita a salire in auto a stento e a ripartire mentre l’abusivo gridava che gli avrebbe distrutto l’auto, ha davvero avuto molta paura la vittima. Non si comprende come questi individui possano agire indisturbati mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini. Le famiglie non sono più libere di uscire la sera?”. Più volte la nostra redazione si è occupata della questione anche a seguito di alcuni “incidenti” a causa della richiesta di un autentico pizzo da parte dei posteggiatori a cittadini e visitatori che non volevano sottostare a tale pratica illegale.

Purtroppo ancora molti cittadini preferiscono sottostare alle “leggi non scritte” di quanti pretendono soldi in cambio della guardia dell’auto posteggiata in luoghi pubblici. Invitiamo pertanto questi a rifiutare tale pratica segnalando o chiamando le forze dell’ordine che hanno il dovere, ed i mezzi, per azzerare questo diffuso malcostume. Ricordiamo che “la legge Italiana punisce l’esercizio dell’attività del parcheggio abusivo, qualora riconosciuto, solamente con una sanzione amministrativa. La legge 1º agosto 2003 n. 214 che introduce il comma 15-bis dell’articolo 7 del codice della strada, stabilisce che: salvo che il fatto costituisca reato, coloro che esercitano abusivamente, anche avvalendosi di altre persone, ovvero determinano altri ad esercitare abusivamente l’attività di parcheggiatore o guardiamacchine sono puniti con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 726 ad euro 2.918. Se nell’attività sono impiegati minori la somma è raddoppiata. Si applica, in ogni caso, la sanzione accessoria della confisca delle somme percepite, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI.” Inoltre si rasenta l’estorsione e un vero e proprio racket, reati puniti penalmente dalla legge Italiana, per cui denunciate queste persone, solo così si porrà fine a questo andazzo.

Christian de Angelis

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100170 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!