Portovesme. Alcoa, Ronghi: “Avanti con la partecipazione e la co-gestione”

“L’Alcoa di Portovesme è la prima vera forma di partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa che premia il loro impegno e i loro sacrifici e che deve spingere il prossimo Parlamento ad approvare una legge attuativa dell’art. 46 della Costituzione”. E’ quanto ha affermato il Segretario Generale del Fronte Italiano per il Lavoro e la Partecipazione-Cnal, Salvatore Ronghi, nel corso di un incontro tenuto con l’Associazione datoriale delle piccole e medie imprese Conapi, presieduta da Basilio Minichiello.

“Anche se siamo ancora lontani dalle consolidate esperienze di co-gestione attuate in Germania e in Francia, i dipendenti avranno il 5 per cento della società ed un posto nel Consiglio di Sorveglianza e ciò costituisce un primo importante passo verso quella partecipazione dei lavoratori che furono i nostri Padri Costituenti a volere fortemente in Costituzione per la sua importanza e per il suo valore” – ha sottolineato il vertice del FILP “che – ha ricordato Ronghi – è nato nell’ottobre scorso e raggruppa i sindacati autonomi proiettati verso il nuovo modello sindacale, incentrato sul potere dei lavoratori, e quindi sul modello partecipativo, strumento per raggiungere la piena occupazione”.

“Come rappresentanti delle piccole e medie imprese, siamo pronti a questa grande sfida e siamo convinti che una maggiore partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa non solo porta beneficio alla produttività ma rende più forte l’azienda e, quindi, il lavoro, e quel settore delle piccole  e medie imprese che costituisce la spina dorsale del Paese e che troppe volte viene dimenticato dalle politiche di Governo” – ha detto Menichiello – che ha espresso “l’auspicio che Alcoa sia solo l’inizio e che il nuovo Governo, qualunque esso sia, ponga al centro dell’attenzione la partecipazione affinchè essa venga attuata in tutte le altre realtà aziendali, anche ponendo fine alle immotivate incertezze di alcuni sindacati basati su un vecchio modello culturale legato ad un ruolo limitato e superato dei lavoratori e che, probabilmente, temono che la partecipazione provochi un loro indebolimento” .

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100845 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!