Arienzo. Casa Circondariale, continua lo stato di agitazione dei lavoratori

Prosegue lo stato di agitazione degli agenti di Polizia penitenziaria della Casa circondariale Arienzo. La protesta, cominciata il 26 marzo, è stata segnata lo scorso mercoledì anche da un sit-in dei lavoratori di FP Cgil, Sinappe, Osapp, UIL Pa, Uspp, proprio in occasione della festa del corpo di polizia.

“Sono circa 40.000 le lavoratrici e i lavoratori della Polizia Penitenziaria che ogni giorno servono il paese con fedeltà e abnegazione per contribuire al corretto funzionamento della giustizia italiana. Nell’istituto penitenziario di Arienzo – prosegue la nota stampa unitaria Fp Cgil, Uil Pa, Osapp, Sinappe, Uspp – questo compito assume contorni particolarmente critici a causa delle grandi carenze che vi si registrano: disagi strutturali, una progressiva diminuzione del personale, problematiche igienico sanitarie, mancanza di idonei supporti elettronici per il miglioramento dei servizi, mobili e suppellettili fatiscenti, deposito di armi non a norma e finanche il più semplice rinnovo delle uniformi. Una situazione di disagio che impedisce alle lavoratrici e ai lavoratori della Polizia Penitenziaria di svolgere al meglio e con serenità il proprio compito; una disorganizzazione che si ripercuote inevitabilmente anche sulla popolazione carceraria. Le OOSS unite continueranno ad appoggiare la protesta, a chiedere con forza e in tutte le sedi competenti un intervento immediato e incisivo che possa finalmente porre fine a tali situazioni di inaccettabile disagio”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100182 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!