Guerra in Ucraina, Putin: “Nessuno può minacciare la Russia, soldati russi combattono da eroi”

L’operazione militare russa in Ucraina sta procedendo “in stretta conformità con il programma, secondo il piano. Tutti i compiti previsti vengono risolti con successo”. Lo ha detto oggi il presidente della Russia Vladimir Putin nel corso di un incontro con i membri permanenti del Consiglio di sicurezza russo.

A detta di Putin l’offensiva, lanciata esattamente una settima fa, è stata intrapresa per “proteggere la popolazione russa nel Donbass e per garantire la sicurezza della patria”. Un riferimento questo, alla regione orientale del Paese dove si trovano due auto-proclamate repubbliche indipendenti filo russe il cui riconoscimento da parte di Mosca ha preceduto il conflitto in corso.

“I militari russi combattono da eroi e hanno sfondato le linee dei nazionalisti. Non ritornerò mai indietro rispetto alla mia dichiarazione che Russia e Ucraina sono un unico popolo -aggiunge il presidente russo -. Lottiamo contro neonazisti che usano i civili come scudi umani, distruggeremo l’anti-Russia creata dall’Occidente. Stiamo raggiungendo i nostri obiettivi militari come programmato, con i nazionalisti ucraini combattono anche mercenari stranieri.

Il capo del Cremlino ha messo una particolare enfasi sull’impegno dei soldati e degli ufficiali di Mosca che “agiscono con coraggio, come dei veri eroi”.

Un eroismo che il presidente ha deciso di ricompensare con una donazione da “7,4 milioni di rubli”, poco più di 62.500 euro, a ogni famiglia di un militare ucciso in battaglia. Putin ha inoltre annunciato il conferimento del titolo postumo di ‘Eroe della Russia’ a un luogotenente nativo della regione del Caucaso del Daghestan, Nurmagomed Gadzhimagomedov, ritenuto il primo ufficiale russo a perdere la vita nel conflitto.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 101509 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!