Casaluce. Offese e stalking al parroco: si aggrava la posizione dell’ex maresciallo Carione

La Ottava Sezione del Tribunale del Riesame di Napoli ha accolto il ricorso del Pubblico Ministero del Tribunale di Napoli Nord – Aversa, il dott. Francesco Persico.

Misura cautelare reale dunque per il maresciallo in congedo della Guardia di Finanza Giuseppe Carione, ex presidente del Comitato festeggiamenti del Santuario di Casaluce.

Per lui il Pubblico Ministero aveva chiesto gli arresti domiciliari, ma il Giudice delle Indagini Preliminari l’aveva rigettato.

Ora la situazione si capovolge completamente e la situazione dell’ex maresciallo diventa catastrofica.

Mesi fa i carabinieri della stazione di Teverola comandati dal maresciallo Amedo Scialdone sequestrarono il conto corrente bancario intestato a Giuseppe Carione, maresciallo in congedo della Guardia di Finanza di Casaluce che e’ finito sotto processo per gravissime ipotesi di reato. Parte offesa un noto prete di Casaluce sottoposto ad un’azione continua e pressante di stalking da parte dell’ex militare accusato di estorsione, appropriazione indebita e di violenza privata.

Il pubblico ministero del Tribunale di Napoli Nord, il dott. Francesco Persico, dopo 12 mesi di incessanti indagini, di acquisizione di documenti e disposto il sequestro del conto corrente intestato all’ex maresciallo in congedo gli ha notificato l’imputazione. Ora l’ex militare dovrà decidere se presentarsi in sede di udienza preliminare per essere sentito come imputato, accompagnato dal suo difensore, l’avv. Alfonso Quarto mentre il prete di Casaluce si costituirà parte civile con gli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo che, a seguito delle loro querele, nell’interesse del prelato da loro assistito, hanno dato avvio al procedimento giudiziario a carico del militare Carione.

Accolte, al momento, in piene le tesi dei difensori avvocati Crisileo che rappresentano il rettore di un santuario di Casaluce, che, esasperato dai comportamenti continuamente vessatori dell’ex sottufficiale, attraverso i suoi legali di fiducia, depositava sei querele contro Giuseppe Carione. Le indagini sono state condotte dal comando stazione carabinieri di Casaluce guidato dal maresciallo Adamo Scialdone.

Pesantisse le accuse nei confronti di Giuseppe Carione: i reati contestatigli dalla Procura di Aversa vanno dall’estorsione all’appropriazione indebita, dallo stalking e atti persecutori alla violenza privata.

La storia inizia piuù di un anno fa quando il maresciallo Carione non accettò di essere stato rimosso dalla carica di presidente delegato del comitato festeggiamenti della Madonna di Casaluce ed iniziò a porre in atto una persecuzione a carico del prete. Inizia ad affiggere manifesti per la citta’ di Casaluce, poi un bmbardamento di esposti e di lettere indirizzate a tutte le Autorità civili e religiose a vari livelli, tutti dai contenuti calunniatori che non esità a inoltrare alla competente Procura della Repubblica: tutte le sue denunzie vennero puntualmente archiviate.

Un vero e proprio stalking – il suo – senza limiti di sorta con unico bersaglio: colpire il prete di Casaluce che da oltre un anno è sfinito da questi insopportabili atteggiamenti persecutori posti in essere continuamente ai suoi danni – che gli creano ansia, sofferenza, malessere e continuo stress – per cui è costretto a ricorrere alle cure dei medici, a ricoveri ospedalieri, non riesce più a dormire più in canonica e cosi via.

Alla fine il presbitero si rivolge alla magistratura tramite i suoi avvocati, Raffaele e Gaetano Crisileo, che riescono ad ottenere dal pubblico ministero il sequestro del conto corrente del disciolto comitato festeggiamente del quale il Carione si sarebbe appropriato non volendo consegnare i soldi li depositati al prete.

Ciò nonostante il comportamento dell’ex militare continua in questa direzione avendo il solo obiettivo di discreditare il sacerdote dinanzi ai fedeli e inoltra un ricorso d’urgenza al giudice civile anche questo rigettato e il presidente Rabuano lo ha anche condannato al pagamento delle spese per un ammontare di 5000,00 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100963 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!