Viticoltura, Alberata d’Asprinio nell’elenco tutelato dal Masaf

Il Ministro Lollobrigida, in seguito alle interlocuzioni con il Capogruppo della Commissione Agricoltura on. Marco Cerreto ed il deputato Gimmi Cangiano, con un decreto tutela e valorizza, iscrivendo nel Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali, la pratica agricola dell’Alberata d’Asprinio”.

Una vittoria per un intero territorio che da sempre riconosce l’Alberata d’Asprinio come suo elemento identificatore.

L’ufficialità dell’iscrizione dell’Alberata d’Asprinio nel registro nazionale dei Paesaggi Rurali e della Buone Pratiche del Ministero dell’agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste è avvenuta a pochi mesi dalla visita ministeriale alle nostre Alberate, dopo tre anni e dopo tre legislature.

“Il decreto è un chiaro segnale di meravigliosa attenzione verso il nostro territorio – hanno commentato i deputati Cerreto e Cangiano – perché questa tecnica viene prodotta in particolar modo nell’agro aversano ed è iscritta tra i cosiddetti “vitigni eroici”. Con questo riconoscimento si apprezzerà il lavoro a beneficio della produzione di qualità e cultura identitaria. Una pratica che molti davano per abbandonata e che, invece, con questo decreto torna d’attualità ed è di grande esempio per i nostri agricoltori e consumatori. Al Ministro Lollobrigida il nostro ringraziamento per aver sbloccato una richiesta che da tempo giaceva al Ministero.”

“Un riconoscimento che ci rende orgogliosi e rende onore ai nostri Vendemmiatori eroici che negli anni hanno saputo mantenere l’integrità e valorizzare i caratteri identitari tipici di questi territori mantenendone le caratteristiche peculiari di un paesaggio unico al mondo – fa sapere la Pro Loco Cesa -. Il nostro trentennale percorso possono essere paragonati alla salita del “vilignatore” sullo scalillo. Con il sostegno dell’amministrazione locale, regionali e le associazioni di categoria come Vitica sono stati scalati tanti pioli, sono stati fatti tanti sacrifici, tante manifestazioni organizzate, tanti risultati raggiunti ed, oggi, si scrive una nuova ed importante pagina di storia. Un patrimonio che con questo riconoscimento conferma, anzi rafforza, il suo valore e si prepara al passo successivo: quello del sogno Unesco”.

Nel dossier di presentazione alla candidatura è racchiuso tutto l’iter di lavoro portato avanti dalla Pro Loco di Cesa e dall’intera comunità coinvolta ed è stata inserita tutta la storia e la tradizione di un intero territorio oltre alla visione di permanenza e sopravvivenza dei vigneti che devono contrastare il fenomeno di urbanizzazione e preservare le antiche pratiche di allevamento del vitigno.

LA STORIA

Dall’alto sei suoi 15 metri di altezza, essa rappresenta il baluardo del territorio. Una vedetta fiera che, forte delle sue radici ben impiantate nel terreno e sicura del sostentamento dei pioppi su cui si sorregge, si spinge con fierezza più in alto che può.

Il “Vilignatore” che s’inerpica sullo scalillo, ad ogni piolo che sale, è consapevole di essere un vero e proprio eroe. In lui e nella sua tecnica convivono tanti elementi: storia, tradizione, esperienza, ma, soprattutto, passione. E’ consapevole dello sforzo che comporta la salita sullo scalillo e lo fa con calma, dedizione e coraggio perché sa che lassù in alto potrà godere di una vista unica sul paesaggio dell’agro aversano e potrà, finalmente, raccogliere quei grappoli, frutto di un lavoro emblematico.

L’ASPRINIO NEI COMUNI DELL’AGRO AVERSANO E NON SOLO

L’economia, grazie all’attenzione che il Governo ha verso tutti i territori, pian piano si sblocca e nel caso specifico le uve destinate alla produzione del vino “Aversa” devono essere prodotte nella zona che comprende tutto il territorio amministrativo dei comuni di Aversa, Carinaro, Casal di Principe, Casaluce, Casapesenna, Cesa, Frignano, Gricignano di Aversa, Lusciano, Orta di Atella, Parete, San Cipriano di Aversa, San Marcellino, Sant’Arpino, Succivo, Teverola, Trentola-Ducenta, Villa di Briano e Villa Literno, in provincia di Caserta e Giugliano, Qualiano e Sant’Antimo in provincia di Napoli.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 101509 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!