Falsi certificati covid per la figlia del boss: 4 misure cautelari

Stamattina la Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di quattro persone; in particolare è stata disposta la sottoposizione agli arresti domiciliari per ROMAIRONE Grazia, nata a Napoli – cl.1961, e BEVILACQUA Bruno, nato a Napoli – cl.1953, poiché  ritenuti gravemente indiziati dei reati di corruzione e falso,  l’obbligo di presentazione alla P.G. per ESPOSITO Salvatore, nato a Mugnano di Napoli (NA) – cl.2001,  in quanto ritenuto gravemente indiziato dei reati di corruzione, falso e falsa attestazione a P.U. su qualità personali, proprie o di altri,  ed il divieto di svolgimento della professione per 12 mesi per GASSO Roberto, nato a Napoli – cl.1968, poiché ritenuto gravemente indiziato dei reati di corruzione e  falso.

La famiglia ESPOSITO, con la finalità di trascorrere il Capodanno 2022 a Dubai, avrebbe, grazie all’intermediazione e complicità della dott.ssa ROMAIRONE Grazia, dietro il pagamento di somme di denaro (300 euro) consegnate a GASSO Roberto, ottenuto tamponi falsificati, rilasciati dal Laboratorio di analisi cliniche Gasso, che attestavano, in particolare, la negatività al COVID di BOSTI Maria e ESPOSITO Susy, in realtà positive. Il tutto grazie anche al concorso di ESPOSITO Salvatore, il quale si sarebbe sottoposto, presso il suddetto laboratorio, ai tamponi in luogo dei propri familiari, presentando altresì le false certificazioni ai P.U. in servizio presso l’aeroporto.

Partenza che comunque non avvenne, poiché la famiglia fu sottoposta ad un controllo COVID a campione all’aeroporto di Fiumicino e di conseguenza si vide rifiutare l’imbarco.

Inoltre, anche in questo caso grazie all’intermediazione di ROMAIRONE Grazia, sempre dietro pagamento di somme di denaro (4000 euro), ESPOSITO Luca e Susy avrebbero ottenuto, dal dott. BEVILACQUA Bruno, certificazioni falsi attestanti l’avvenuto vaccino, per ottenere il Green pass in virtù delle limitazioni all’epoca imposte.

Il dott. BEVILACQUA, in quel periodo interdetto dai pubblici uffici, è altresì indagato, poiché avrebbe rilasciato certificazioni false attestanti l’avvenuto vaccino ad altri soggetti, da alcuni dei quali avrebbe ricevuto un corrispettivo in denaro.

Si rappresenta che i coniugi ESPOSITO Luca e BOSTI Maria per questa vicenda furono sottoposti, in data 17.01.2022,  ad un fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia; attualmente sono sottoposti al regime degli arresti domiciliari.


Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari delle stesse sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunti innocenti fino a sentenza definitiva.
Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100964 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!