Come dovrebbe essere assunto il CBD? Quali sono i suoi benefici?

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è ampiamente utilizzato per scopi medici grazie ai suoi noti benefici per la salute.

L’applicazione topica o l’inalazione del CBD attraverso l’atto del fumo possono addirittura contribuire al mantenimento dell’omeostasi corporea.

Ma perché il CBD è così ampiamente apprezzato? Come agisce il cannabidiolo? Leggi per scoprirlo!

CBD, cos’è e come funziona

Il nostro organismo dispone di un sistema specializzato chiamato sistema endocannabinoide (ECS), attraverso il quale riesce a mantenere l’omeostasi. I nostri stessi tessuti e cellule ospitano una densa concentrazione di endocannabinoidi. Questi funzionano come neurotrasmettitori, legandosi ai recettori dei cannabinoidi presenti nel corpo. Tali recettori sono diffusi sia nel sistema nervoso centrale che periferico. Se uno dei sistemi corporei non funziona correttamente, i neurotrasmettitori intervengono, trasmettendo segnali tra le cellule nervose. Questo processo contribuisce al ristabilimento dell’equilibrio del sistema interessato. Una volta che gli endocannabinoidi hanno completato il loro compito, gli enzimi nel corpo ne avviano la degradazione. In questo modo, l’ECS può regolare il corretto funzionamento di sistemi come sonno, appetito, controllo motorio e stato di allerta. Quando il CBD entra nell’organismo, si lega ai recettori dei cannabinoidi presenti nel corpo, agendo come gli endocannabinoidi stessi, e fornendo un feedback immediato per regolarne l’equilibrio.

Clicca qui per saperne di più

I benefici del CBD

Gli studi sul CBD proseguono e le potenzialità benefiche di questa sostanza aumentano di mese in mese. Ecco di seguito i campi in cui la cannabis risulta essere estremamente efficace.

Gestione di ansia e depressione

Nel mondo di oggi, ansia e depressione sono condizioni sempre più diffuse. Questi disturbi mentali possono avere impatti devastanti sulla salute. Solitamente, vengono affrontati tramite farmaci. Tuttavia, questi medicinali possono essere potenzialmente dipendenza-generanti, come nel caso delle benzodiazepine. Di conseguenza, chi ne fa uso rischia di sviluppare una dipendenza da sostanze. Inoltre, questi farmaci possono comportare effetti collaterali quali sonnolenza, insonnia, cefalea, agitazione e disfunzione sessuale. Il CBD si dimostra efficace nel placare l’ansia e risollevare l’umore, al pari di moltissimi ansiolitici.

CBD contro la nausea

La cannabis, da secoli, è stata considerata un rimedio contro la nausea e il vomito. Gli studi sugli animali hanno dimostrato che tra i più di 80 composti di cannabinoidi presenti nella pianta, sia il THC che il CBD giocano un ruolo nel contrastare questi fastidi.

Analgesico naturale

Per generazioni, le piante di cannabis hanno fatto parte del repertorio di rimedi contro il dolore. La pianta di marijuana ospita centinaia di elementi diversi. Conformemente agli studi, vari elementi della cannabis contribuiscono a lenire le sofferenze, tra cui spicca il CBD.

Combatte l’infiammazione e l’attacco al proprio corpo

La ricerca ha rivelato che il CBD si lega ai neurotrasmettitori e riduce l’infiammazione, diventando un alleato nel fronteggiare il dolore cronico attraverso l’influenza sui neurotrasmettitori. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, il CBD si configura come un agente terapeutico dalle promesse molteplici, utile nel trattare una vasta gamma di disturbi infiammatori e malattie autoimmuni.

CBD come terapia dell’epilessia

Il CBD potrebbe emergere come terapia efficace per l’epilessia refrattaria ai farmaci, secondo le indicazioni di varie ricerche. In uno studio condotto su genitori di bambini con epilessia refrattaria, l’84% ha segnalato una diminuzione delle crisi grazie all’uso del CBD.

Come si assume il CBD

I cristalli di CBD o l’olio di CBD, considerati la forma più pura di cannabidiolo, offrono molteplici possibilità di somministrazione, rispondendo a diverse esigenze e con tempi di reazione variabili. Ecco le varie modalità di assunzione:

  • Per via orale, tramite somministrazione sublinguale;
  • Sciolto in liquidi a base di grassi;
  • Applicazione topica, aggiunti a creme o unguenti;
  • Inalazione attraverso vaporizzazione.

L’assunzione dell’olio di CBD

La modalità più efficace per assumere l’olio di CBD di Justbob è l’assunzione orale mediante l’applicazione delle gocce sotto la lingua. Questa tecnica favorisce il passaggio diretto del cannabidiolo nel flusso sanguigno attraverso i capillari presenti nella bocca e sotto la lingua, una regione altamente vascolarizzata. In questo modo, il CBD evita la dispersione durante la digestione e inizia a svolgere le sue funzioni praticamente istantaneamente. Ricorda che, per i cinque minuti prima e i cinque minuti dopo la somministrazione, è meglio evitare cibo, bevande e fumo.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: [email protected] | [email protected]

admin has 102216 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!