Wind3 denunciata all’Agcom e alla Procura per stalking e persecuzione

Parte una denuncia alla Procura della Repubblica e all’Agcom da parte del Codacons nei confronti di WindTre per una forma di recupero crediti aggressiva e persecutoria indirizzata per via telefonica ai suoi clienti.

Sulla base di segnalazioni ricevute, infatti, l’Associazione ha accertato sei chiamate in ingresso in meno di un’ora sullo schermo del cellulare, tutte da parte della compagnia telefonica – o per meglio dire, di call-center a questa collegati – solo per sollecitare il pagamento di una bolletta scaduta (peraltro, neanche con l’intervento di un operatore umano ma con una voce registrata su disco).

“Non è possibile, infatti, che nei confronti dei clienti, anche in caso di morosità di irrilevante entità, si metta in moto un simile strumento di pressione, capace di trasmettere l’impressione di una vera e propria persecuzione sugli sfortunati che sono costretti a subirlo”, fanno sapere dall’associazione consumatori.

“Adesso basta, non è davvero possibile bombardare di chiamate i cittadini per una bolletta scaduta”, commenta il presidente Carlo Rienzi. “Con la nostra denuncia in Procura e all’Agcom vogliamo dire basta a questo strapotere delle compagnie telefoniche e dei loro call-center: bisogna assolutamente fermare queste procedure, che mettono a repentaglio la serenità e la tranquillità delle persone in tutta Italia”, conclude.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100267 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!