Madre picchiata e umiliata, va in caserma per chiedere aiuto

Siamo a Napoli, nel quartiere di Secondigliano e davanti al cancello della caserma carabinieri c’è una signora.

Il militare fa entrare la donna e da lì si parte con un fiume di parole, sentimenti e storie.

La donna chiede aiuto e racconta di anni passati tra violenze e umiliazioni che ha dovuto subire dal proprio figlio per colpa della droga.

Lui ha 43 anni e poco prima aveva aggredito sua madre per ottenere del denaro.

La vittima, che di anni ne ha 65, è riuscita a fuggire e a rivolgersi ai carabinieri.

I militari si mettono sulle tracce dell’uomo e non passa molto tempo quando lo trovano. Il 43enne è ancora in casa ed è in evidente stato di alterazione psicofisica.

Non sarà facile arrestarlo ma dopo una breve colluttazione i carabinieri lo bloccano.

Ora si trova in carcere e dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, estorsione e resistenza.

La signora, almeno fisicamente, sta bene.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100091 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!