Il Napoli di Mazzarri non ingrana: testa alla Champions

Una vittoria e tre sconfitte nel poker di partite durissime con cui ha esordito.

Un cammino che ci si poteva aspettare ma che, visto in campo, ha depresso i tifosi della città, che ora sanno che è la stagione in cui si dice già addio al sogno bis scudetto e si deve lottare per entrare in Champions League.

E’ questa la realtà di Napoli dopo il ko di Torino, che ha confermato una squadra che sa tenere palla ma non ha ancora imparato a segnare.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER VEDERE LA SINTESI

Dopo l’1-0 subìto a Torino le cifre lo dicono chiaro: nessun gol azzurro negli ultimi 180′ minuti e nell’ultimo mese, dal pareggio contro il Berlino in Champions al match con la Juventus, il Napoli tra l’addio di Garcia e l’arrivo di Mazzarri ha vinto la partita in casa dell’Atalanta e ne ha perse quattro, pareggiando con il Berlino, segnando in tutto cinque gol in sei partite in cui ne ha subiti 11. Cifre da squadra di metà classifica dove il Napoli rischia di scivolare dopo le partite del week end, in una posizione che ora però la squadra azzurra deve dimostrare di sapersi mettere alle spalle.

Il primo passo è martedì sera in Champions League in cui il Napoli può anche perdere di un gol di scarto contro il Braga, ma ora vuole vincere per riprendere il decollo, mettendosi in tasca gli ottavi europei e ritrovando la gioia dei gol da vittoria.

Dopo il match europeo ci sarà la sfida al Cagliari, la Coppa Italia con il Frosinone, lo scontro diretto all’Olimpico con la Roma e il Monza al Maradona. Inizia quindi da martedì una cinquina di sfide di fine 2023 in cui Mazzarri deve dimostrare di saper dare una svolta al rendimento della squadra, chiudendo di nuovo la difesa e ritrovando i gol. Un doppio lavoro che parte da Kvaratskehlia e Osimhen, con il georgiano che si è mangiato il gol a Torino, ma soprattutto con il nigeriano che sembra trasformato e perso con l’ultimo dei suoi soli 6 gol stagionali che risale all’8 ottobre nel ko contro la Fiorentina.

Il nigeriano non domina più di testa in area né trova aggancio e tiro in area, in un Napoli che gioca con i cross sulle fasce ben conosciuti e controllati dalle difese avversarie e senza la capacità di penetrare per vie centrali con dialogo veloce di passaggi. C’è tanto da ricostruire anche in una difesa in cui Rrahmani non ha più il controllo dello scorso anno e a tutti ormai manca Kim, senza che Natan riesca a farlo dimenticare da centrale e non sa costruire da terzino sinistro.

Le scelte per il tecnico però restano poche con Mario Rui ancora a parte oggi, Olivera a fare terapie e Cajuste che oggi ha effettuato lavoro personalizzato in palestra, in seguito a un trauma distorsivo al ginocchio accusato ieri in partita.

(Ansa)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 100034 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!